Home   Motore di ricerca   e-mail   Mappa del sito   |  A  A

ELENCO PROGRAMMI 2009

31 Gennaio "Crisi Economica, crisi antropologica. L'uomo al centro del lavoro e dell'impresa: Come il credito può favorirne lo sviluppo"
16 Febbraio"Perchè dobbiamo dirci cristiani. Il Liberalismo, l'Europa, l'Etica." (presentazione libro di M. Pera)
Aprile e Maggio 2009 Corso di Aggiornamento: "IN BIOETICA ED ETICA MEDICA" (Specchio Bianco)

9 Maggio "L'ambiente per la persona"

Incontro col Prof. Luigi ALICI
Università di Macerata

Dottrina Sociale della Chiesa 1 Marzo ore 21,00 Sala Manzoni Via IV Novembre RIMINI
"I valori fondamentali della democrazia e la responsabilità politica dei cattolici"
Prof. Luigi ALICI Università di Macerata

Saluto conclusivo di S. E. Mons. Luigi NEGRI Presidente della Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II per il Magistero Sociale della Chiesa

Elenco PROGRAMMI 2007

-A- Incontri Dottrina Sociale della Chiesa

“ la sollecitudine sociale della Chiesa, finalizzata ad un autentico sviluppo dell'uomo e della società, che rispetti e promuova la persona umana in tutte le sue dimensioni, si è sempre espressa nei modi più svariati. Uno dei mezzi privilegiati di intervento è stato nei tempi recenti il Magistero dei Romani Pontefici [...]. Pertanto, cominciando dal validissimo apporto di Leone XIII, arricchito dai successivi contributi magisteriali, si è ormai costituito un aggiornato "corpus" dottrinale, che si articola man mano che la Chiesa, nella pienezza della parola rivelata da Cristo Gesù e con l'assistenza dello Spirito Santo, va leggendo gli avvenimenti mentre si svolgono nel corso della storia. Essa cerca così di guidare gli uomini a rispondere, anche con l'ausilio della riflessione razionale e delle scienze umane, alla loro vocazione di costruttori responsabili della società terrena" (Sollicitudo Rei Socialis).

PROGRAMMA

20 Aprile ore 21,00 Cinema Teatro Turismo
S. Marino Città - RSM -
"La Dottrina Sociale della Chiesa: storia e principi
S. E. Mons. Luigi NEGRI Presidente Fondazione Giovanni Paolo II
21 Aprileore 09,30 - 12,00 Sede Fondazione P.zza F. da Sterpeto, 12 Domagnano- RSM
Seminario di approfondimento

25 Maggio ore 21,00 Santuario di Valdragone - Rep. di San Marino
"Libertà e responsabilità della società civile: la "regola" della sussidiarietà"
S.E.Mons. Giampaolo CREPALDI Segretario Pontificio Consiglio Giustizia e Pace
26 Maggio ore 9,30 - 12,00 Sede Fondazione P.zza F. da Sterpeto, 12 Domagnano - RSM
Seminario di approfondimento


26 Ottobre ore 21,00 Cinema Teatro Concordia - Borgo Maggiore - RSM
"La libertà di intraprendere e la solidarietà sociale"
Prof. Stefano ZAMAGNIUniversità di Bologna
27 Ottobre ore 09,30 - 12,00 sede Fondazione P.zza F. da Sterpeto,12 Domagnano RSM
Seminario di approfondimento

23 Novembre ore 21,00 Cinema Teatro Concordia Borgo Maggiore - RSM
"La dignità della vita umana. Il fronte aperto della bioetica"
Prof. Roberto COLOMBOUniversità Cattolica Sacro Cuore di Milano
24 Novembre ore 09.30 - 12,00 sede Fondazione P.zza F. da Sterpeto,12 Domagnano RSM
Seminario di Approfondimento

1 Marzo ore 21,00 Sala Manzoni Via IV Novembre RIMINI
"I valori fondamentali della democrazia e la responsabilità politica dei cattolici"
Prof. Luigi ALICI Università di Macerata
Intervento conclusivo del primo ciclo di incontri S. E. Mons. Luigi NEGRI


Sedi dei prossimi incontri Pubblici:
>Cinema Teatro CONCORDIA Via della Concordia Borgo Maggiore - RSM
>SALA MANZONI - Via IV Novembre (di fianco alla Cattedrale) RIMINI


Per i Seminari di approfondimento è necessario dare conferma anticipata della presenza

-B- Presentazione del Libro di Luca VOLONTE'

LA CONGIURA di TORQUEMADA Lunedì 4 giugno 2007 ore 21,00
Castello di Serravalle Repubblica di San Marino

Introduce e conclude:
Sua Ecc. Mons. Luigi NEGRI

Intervengono:
On. Luca VOLONTE'
On. Pasquale VALENTINI

Sarà presente:
Sen. Rocco BUTTIGLIONE

L'Incontro è promosso da:
FONDAZIONE MARINO D' ARBE
FONDAZIONE INT.LE GIOVANNI PAOLO II
PANEUROPA SAN MARINO
CENTRO CULTURALE IL SENTIERO

-C- Convegno Internazionale D. Francesco Ricci

B) CONVEGNO INTERNAZIONALE
"Don Francesco RICCI (1930-1991): passione per l'uomo"

San Marino - Teatro Nuovo di Dogana 23 giugno 2007


Promosso da:
FONDAZIONE INTERNAZIONALE GIOVANNI PAOLO II
ASSOCIAZIONE Don Francesco RICCI
FONDAZIONE A V S I
FONDAZIONE NOVAE TERRAE


In collaborazione con:
PONTIFICIA UNIVERSITA' LATERANENSE

Con il Patrocinio di:
SEGRETERIA di STATO per gli AFFARI ESTERI - RSM
REGIONE EMILIA ROMAGNA -
Assemblea Legislativa REGIONE EMILIA ROMAGNA
PARLAMENTO EUROPEO


Con il contributo di:
>Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena
>Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara
>Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì
>Fondazione Cassa di Risparmio di Imola
>Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini
>Dufeco Energy Srl



Programma


Presiede la prima sessione: S. E. Mons. Giancarlo VECERRICA
"RICCI e l' EUROPA DELL' EST"
ore 9,00 - 10,30
Luigi GENINAZZI
Massimo SERRETTI
S. E. Mons. Tadeusz PIERONEK
Sante BAGNOLI


"RICCI e l' AMERICA LATINA"
ore 11,00 - 12,30
Guzman CARRIQUIRY
Luis Alberto MEYER
Alver METALLI

Presiede la seconda sessione: S. E. Mons. Luigi NEGRI
"RICCI e KAROL WOJTYLA"
ore 15,00 - 17,00
Rocco BUTTIGLIONE
Vittorio CITTERICH

Onorato GRASSI

Conclusioni del:
Presidente della Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II


RASSEGNA STAMPA:

PRIMO COMPAGNO DI GIUSSANI E AMICO DI KAROL WOJTYLA
La sua autenticità d’uomo, documentata nella drammaticità della sua vita, la sua fedeltà intelligente al magistero di Pietro e, quindi, alla dottrina reale della Chiesa, il suo indefesso impeto missionario dettatola una vibrazione ecumenica indiscutibilmente anticipatrice, soprattutto la sua visione appassionata il suo attaccamento indomabile alla figura di Cristo, sono i contenuti di una presenza che guiderà tutte le nostre giornate” Così, all’indomani della morte del “primo e più grande compagno di cammino”, don Luigi Giussani ricordava don Francesco Ricci, scomparso dopo una lunga malattia il 30 maggio 1991.
Affettuosamente conosciuto come “Don Chilometro”, Ricci era nato a Faenza il 29 maggio 1930.
Prete della diocesi di Forlì è stato Canonico della Cattedrale, assistente ecclesiastico di Comunione e Liberazione, rettore della Chiesa di San Filippo Neri. Il padre morì quando Francesco era ancora giovane; la madre Maria Vignoli fu maestra elementare. Trascorse gli anni dell’infanzia a Premilcuore, durante la guerra. Cresciuto alla scuola di don Pippo di cui fu discepolo, trascorse all’oratorio San Luigi gli anni di formazione seguendo don Pippo anche nel lavoro al giornale “Il Momento”. Frequentò il seminario del Laterano a Roma e fu ordinato sacerdote il 9 aprile 1955. Fu assistente diocesano di Azione Cattolica, cappellano presso la parrocchia di Ravaldino e Santa Lucia. Alla fine degli anni ’50 incontrò don Luigi Giussani e fondò con lui Gioventù Studentesca .
Visse l’inizio della esperienza universitaria seguendo il Clu (Comunione Liberazione Universitari) durante il periodo di crisi e contestazione. Poi andò in giro per il mondo a promuovere il Movimento in Jugoslavia, Uganda, Polonia, Ungheria, Cecoslovacchia, Brasile, Argentina, Paraguai, Perù, Giappone, Corea. Fondò Cseo (Centro studi Europa Orientale) per seguire la testimonianza della Chiesa dell’ Est e la cultura cattolica di cui parlò in opere editoriali, in particolare nell’ attuale “Il Nuovo Areopago”.
Fu decisivo il suo incontro con il primate di Polonia Cardinale Wyszynski e l’allora Cardinale della Chiesa di Cracovia Karol Wojtyla: fu sua la prima nota biografica diffusa alla televisione all’indomani dell’elezione di Giovanni Paolo II.
Avvenire 24 giugno 2007



DON RICCI: LE MILLE VIE DELL'UOMO
Paolo Guiducci
Un missionario: ecco cos' è stato don Francesco Ricci . Capace di vivere la missione in tutta la sua varietà di espressioni . Un uomo in grado di vivere fino in fondo questo tratto costitutivo del cristiano», nel solco di quanto affermato da Giovanni Paolo II e cioè che «la fede si irrobustisce donandola»
. Sono bastate poche ma efficaci parole a monsignor Luigi Negri , per sintetizzare la figura di un
sacerdote di provincia la cui dimensione internazionale è tanto più evidente oggi rispetto agli anni del suo continuo viaggiare .Il vescovo di San Marino-Montefeltro lo ha ricordato durante il convegno « Don Francesco Ricci ( 1930-1991 ): passione per l' uomo », per riscoprire una figura che dalla Romagna ha attraversato profondamente il dramma culturale della fine del Novecento
ed ha espresso , a partire dalla fede , un' esuberante passione per l' umano, tradotta in incontri , opere e attività culturali.
Organizzato da Fondazione Giovanni PaoIo II per il Magistero sociale della Chiesa , Avsi , associazione don Ricci , fondazione Novae Terme, il convegno ha portato ieri a San Marino filosofi , giornalisti e intellettuali a confrontarsi sull' opera e il pensiero di don Francesco .Missionario , sacerdote, educatore, uomo di cultura, editore , incontrô nel suo slancio le comunità cristiane in vari continenti . Prima nei Paesi dell'Europa orientale oppressi dai regimi comunisti , poi in Africa,
in Sud America e infine nelle Filippine , in Corea e Giappone , nello spirito di un ecumenismo
frutto di una ricerca della presenza di Dio nei volti degli uomini . Ripeteva don Francesco:
« Non c'è niente di più Bello che vedere nascere la comunità cristiana, perché negli inizi c' è già tutto »
All' inizio della biografia di « don Chilometro » ( era chiamato così per l' altezza e per la capacità di macinare chilometri in giro per il mondo), c' è l' influenza della figura e del coraggio di padre Pietro Leoni , un gesuita condannato a dieci anni di lager in Russia per la sua fede. A Forli , poi , don Ricci si formò alla scuola di don Giuseppe Prati , col quale maturò la vocazione giornalistica che gli
permise anni dopo di, di salvare il settimanale cattolico “Il Momento” dalla chiusura. Lo fece fondando una cooperativa di giovani ai quali “infondeva la sua indomita passione per Dio e per gli uomini, e tra questi giovani c’ero anche io” ricorda l’ attuale direttore Alessandro Rondoni. “Aiutava noi ragazzi a fare i conti con la realtà e l’infinito”, è il commosso ritratto dipinto dal cantautore Claudio Chieffo , intervenuto al convegno in carrozzella .
Altro incontro decisivo nella vita di don Chilometro fu quello con don Giussani , all' inizio degli anni Sessanta , con cui condivise i primi passi di Gioventù Studentesca e poi di Comunione e Liberazione , e che Io definirà «il primo e più importante compagno di viaggio ».
Proprio agli anni Sessanta risalgono i primi sconfinamenti nell' Est europeo e il confronto con i regimi comunisti . « Fece scoprire la ricchezza dell'Est-ha spiegato l' inviato diAvvenire Luigi Geninazzi , che ha avuto in diverse occasioni come compagno di viaggio proprio don Ricci-.
Intendeva portare dell' Est quello che poteva salvare 1’occidente »
.Definito un «contrabbandiere di testi », introdusse clandestinamente in Italia scritti di poeti , teologi e intellettuali ( Vàclav Havel , Joef Zverina , Milosz , Stanislaw Grygiel ) che davano voce a quella Chiesa martoriata e silenziosa ma tutt' altro che senza parola ed esperienza . Fondô a Forli il Centro Studi Europa Orientale ( Cseo ) , pubblicà riviste e un centinaio di volumi , tra cui gli appunti dalla prigione del Card. Wyszynski, le omelie per la patria di don Jerzy Popieluszko e le omelie del Cardinale di Kracovia Karol Wojtyla, che don Ricci aveva conosciuto e incontrato più volte . “Il primo scritto in italiano che ho letto di Wojtyla apparve nel 1969 su CSEO.- ha ricordato Rocco Bottiglione:. Don Ricci voleva che studiassi la filosofia del cardinale e mi convinse a imparare il polacco”. “Vide il progetto e profetò il fallimento dell’ antropologia moderna che spaccia una falsa idea di autonomia e di libertà – ha rilanciato Onorato Grassi, docente di storia della Filosofia Medievale alla Lumsa-. Contrastò il falso messianismo del marxismo, fece cultura parlando di cose di cui altri non parlavano”, influenzando coscienze e compagni di viaggio, come Arturo Alberti di AVSI che rivela: “Grazie a lui è stata aperta la prima facoltà di medicina in un’ università cattolica del Paraguay”. L’America Latina è l’altra grande terra di missione di Don Ricci. Nel 1988 rilanciò, assumendone la direzione, il celebre settimanale cattolico Argentino Esquiù, lavorò alla preparazione di Puebla, suscitò il confronto con la teologia della liberazione. Una figura cristiana emblematica di una fede non rinchiusa nelle sacrestie. Un “adelantado”, per dirla con il sottosegretario del Pontificio per i laici, Guzman Carriquiry, “un camminatore che aiutava le persone a camminare in avanti”.

Negri: « Ha vissuto fino in fondo la missione come un tratto che dovrebbe essere di ogni cristiano »





-D- "Verità e Libertà"

Incontro col Prof. Robert SPAEMANN Organizzato dalla Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II per il Magistero Sociale della Chiesa in collaborazione con:
MEETING per l' Amicizia fra i Popoli.

Nel riquadro la relazione tenuta dal Prof. Spaeman


Il prof. Robert Spaemann è nato nel 1927 a Berlino, è stato professore di filosofia in Münster, Stoccarda e Heidelberg dove successe a Gadamer, e Monaco.
E’ docente Emerito di Filosofia all’ Università di Monaco
È autore di numerosi scritti di etica e di filosofia politica, considerati classici del pensiero
contemporaneo. E’ membro della Pontificia Accademia per la vita
S. E. Mons. Luigi Negri: è Vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro e Presidente della Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II per il Magistero Sociale della Chiesa
Il Prof. Sergio Belardinelli è Docente di Sociologia dei Processi Culturali all’ Università Alma Mater Studiorumdi Bologna



-E- Mostra Arte per Mare

D)- ARTE PER MARE Dalmazia, Titano e Montefeltro dal primo Cristianesimo al Rinascimento Periodo: 22 Luglio - 11 Novembre
Luoghi:
San Marino: Museo di San Francesco
San Leo:Palazzo Mediceo -Museo d'Arte Sacra

Promossa da:
- Diocesi di San Marino - Montefeltro
Organizzata da:
- Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II
per il Magistero Sociale della Chiesa


in collaborazione con:
- Musei di Stato, Repubblica di San Marino
- Soprintendenza ai Monumenti della Croazia Marittima, Spalato
- Soprintendenza PSAD, Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena,
Rimini
- Soprintendenza PSAD delle Marche, Urbino

Sedi:
- San Leo: Palazzo Mediceo
- San Marino: Museo di San Francesco


Mostra ideata e diretta da:
Giovanni Gentili

A cura di:
Jozko Belamarić, Giovanni Gentili, Alessandro Marchi

Comitato scientifico:
Jozko Belamarić, Soprintendenza ai Monumenti della Croazia Marittima, Spalato
Angela Donati, Università di Bologna
Franco Faranda, Soprintendenza PSAD di Bologna, Ferrara, Forli-Cesena, Rimini e Ravenna
Igor Fisković, Università di Zagabria
Pier Luigi Foschi, Musei Comunali, Rimini
Giovanni Gentili, Commissione Diocesana per l’Arte Sacra, Rimini
Alessandro Marchi, Soprintendenza PSAD delle Marche, Urbino
Lorenza Mochi Onori, Soprintendenza PSAD delle Marche, Urbino
Sisto Sergio Severi, Ufficio Beni Culturali, diocesi di San Marino-Montefeltro
Anna Simoncini, Musei di Stato della Repubblica di San Marino

Comitato esecutivo:
Jozko Belamarić, Soprintendenza ai Monumenti della Croazia Marittima, Spalato
Angela Donati, Università di Bologna
Giovanni Gentili, Commissione Diocesana per l’Arte Sacra, Rimini
Alessandro Marchi, Soprintendenza PSAD delle Marche, Urbino

Segreteria organizzativa:
Anonima Talenti srl

Catalogo:
edito da Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, a cura di Giovanni Gentili e Alessandro Marchi


IL PERCORSO DELLA MOSTRA

I SEDE: Palazzo Mediceo, San Leo

1. Sezione I: Il primo cristianesimo in Dalmazia: i luoghi, le testimonianze. Il primo cristianesimo tra Romagna e Montefeltro: i luoghi, le testimonianze. Leo e Marino, tra storia e tradizione.

2 Sezione II: la Dalmazia e il Montefeltro in età medievale
(sec VII- XII): luoghi e segni della fede e dell’arte
Presso la sede di San Leo saranno raccolti i preziosi materiali archeologici provenienti da Salona e dall’area dell’antica Ariminum, a documentare il diffondersi del cristianesimo nelle due regioni adriatiche, a partire dal IV secolo fino al VI.
La mostra espone inoltre i segni monumentali delle prime costruzioni ecclesiastiche, provenienti da importanti edifici delle due zone, per inoltrarsi quindi in età medievale, documentata questa attraverso la comparazione di opere sia dalmate che dell’area marchigiano-romagnola, simili per fattura e per linguaggio iconografico.
In chiusura, strettamente relata agli insigni monumenti romanici di S. Leo – Pieve e Cattedrale – sarà esposta al pubblico per la prima volta, dopo un accurato restauro, la monumentale Croce dipinta del duomo della città feretrana.


II SEDE: Museo di San Francesco, Repubblica di San Marino

3 Sezione III: Traversando il mare: l’arte tra Duecento e
Rinascimento
La sezione sammarinese raccoglie circa 50 preziose tavole dipinte datate per lo più tra XIII e XV secolo, insieme a rilievi marmorei, stupende oreficerie e codici miniati.
Riunite a seguito di un’attenta scelta operata dal comitato scientifico, le opere documentano l’importanza strategica della via adriatica in quei secoli quando, in concomitanza con l’attività di officine e botteghe di ambito locale e centro-italiano, l’area medio-adriatica vede un intenso scambio di opere d’arte e di cultura tra le due sponde, in particolare a partire dal sec. XIII fino al XV.
In più, la sezione documenta l’importanza dell’area monteferetrana quale via di comunicazione tra la Toscana e il litorale adriatico marchigiano-romagnolo, punto di partenza per significative imprese artistiche d’oltremare di artisti italiani, fra i protagonisti del nostro Rinascimento..

-F- "I PAPI e LA MASSONERIA" di Angela Pelliciari

EDIZIONI ARES, in collaborazione con: Diocesi San Marino-Montefeltro, Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II per il Magistero della Chiesa, Centro Sociale Sant' Andrea, Cooperativa IL Sentiero, Centro Culturale Walter Tobagi Martedì 21 agosto, ore 21,00
Casa del Castello di Domagnano Piazza Filippo da Sterpeto Domagnano Repubblica di San Marino.

Intervengono:Angela PELLICCIARIautrice, S. E. Mons. Luigi NEGRI,Vescovo di San Marino -Montefeltro, Cesare CAVALLERI, Direttore di "Studi cattolici"

"Il libro è una rilettura estremamente intelligente e documentata del magistero dei Papi negli ultimi secoli sul problema, quanto mai annoso e attuale, della massoneria e della sua azione disgregativa della Chiesa e della cristianità". (dalla prefazione di S. E. Mons. Luigi Negri, Vescovo di San Marino-Montefeltro)
>IL LIBRO: Uno studio molto accurato che evidenzia in stretta connessione con i testi pontifici e del Magistero che la linea della Chiesa cattolica nei confronti delle organizzazioni massoniche è sempre stata lungo tre secoli: non si può servire Dio e Mammona. Un libro che appassiona perchè mette in evidenza come i fatti della storia si prestino sempre a una lettura meta-storica , con la Chiesa di Roma che viene sistematicamente considerata il primo nemico da combattere da parte di chi voglia otenere il potere di questo mondo.
L' AUTRICE: Angela Pellicciari, storica del Risorgimento, ha pubblicato con Ares anche Risorgimento da riscrivere. Liberali & massoni contro la Chiesa (2007). Gli altri suoi volumi sono: L'altro Risorgimento (Piemme2000); I panni sporchi dei Mille (Fondazione Liberal, 2003); Risorgimento anticattolico (Piemme, 2004).
Per informazioni: 333.9654213 - 335.8315631 - 335.7930402 - www.ares.mi.it


-G- “Gesù di Nazaret”di Benedetto XVI

28 settembre 2007 Teatro Nuovo di Dogana RSM
Presentazione del libro


interviene:
Josè Miguel GARCIADocente di Esegesi del Nuovo Testamento - Facoltà Teologia San Damaso, Madrid
conclude:
S.E. Mons. Luigi NEGRI
Presidente Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II


Promosso da:

FONDAZIONE INTERNAZIONALE GIOVANNI PAOLO II
per il Magistero Sociale della Chiesa

CENTRO CULTURALE IL PORTICO DEL VASAIO

In collaborazione con:
Centro Culturale “Walter Tobagi” - Carpegna
Cooperativa Culturale “Il sentiero” – San Marino
Centro Sociale Sant’Andrea – San Marino
Cultura Cattolica.it

-H- " FURORE GIACOBINO" di Luca Volontè

17 dicembre Castello di Domagnano RSM ore 21,00 Incontro promosso da
  • Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II per il Magistero Sociale della Chiesa
  • Cooperativa Culturale "Il Sentiero"
Presentazione del libro-documentazione della lotta alla Chiesa in Italia-
Interverranno, alla presenza dell' Autore:

Renato FARINA giornalista e scrittore

Pasquale VALENTINIsegretario PDCS

Conclusione
S. E. Mons. Luigi NEGRI

II° COLLOQUIO sulla BIOPOLITICA

RIMINI 3-4 Ottobre 2008 II° Colloquio organizzato dalla Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II per il Magistero Sociale della Chiesa


ELEMENTI DI CHIAREZZA NEL MAGISTERO SOCIALE
DI GIOVANNI PAOLO II E APERTURE PROBLEMATICHE

1. Emerge la grande possibilità positiva della scienza e della tecnica e contemporaneamente l’innegabilità di certi limiti.
La possibilità di una minaccia “radicale” dal punto di vista antropologico, etico e sociale (cfr. R.H, parte III).

2. Superamento definitivo delle “tensioni” (riconducibili alle ideologie) fra scienza e fede, scienza e teologia, nel quadro di un riposizionamento globale di carattere epistemologico.
Dalla logica del aut-aut alla logica del et-et, in modo da assicurare alla coscienza che ricerca il senso dell’esistenza la più ampia possibilità di conoscenza.

3. D’altra parte il mondo della tecno-scienza rappresenta oggi una inedita possibilità di una ideologia altamente pervasiva e diffusiva.
L’intera realtà della antropologia è investita da questo attacco. Basta ricordare l’attacco alla sacralità della vita fisica e la sua indisponibilità a qualsiasi “gestione”.
Così sono attaccati i fondamenti ed il dinamismo della vita etica, personale e sociale.
La tecno-scienza ha in sé la forza di “sfidare” il completo organismo della Dottrina Sociale della Chiesa ed insieme l’intero complesso dei valori fondamentali dell’etica e della società naturali

LA MEDICINA NEL RISPETTO DELLA DIGNITA' DELLA PERSONA UMANA

Corso di AggiornamentoIN BIOETICA ED ETICA MEDICA(1 Edizione) Organizzazione segreteria e coordinamento logistico:
Specchio Bianco (RSM)
Direzione Scientifica
-S.E. Mons. Luigi Negri,
Vescovo di San Marino‐Montefeltro
-Chiar.mo Prof. Roberto Sani,
Magnifico Rettore dell'Università degli Studi di Macerata
-Chiar.mo Prof. Ignacio Carrasco de Paula,
Direttore dell’Istituto di Bioetica, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma

-Coordinamento scientifico‐didattico:
Dott. Andrea Virdis
-Coordinamento organizzativo:
Sig.ra Laura Alessi
SPECCHIO BIANCO
Via Onesto Scavino,10 47891 Rovereta RSM
Tel 0549 970510 fax 0549 942610
e‐mail: info@specchiobianco.com
web: www.specchiobianco.com

PATROCINATO DA:
-Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II per il Magistero Sociale della Chiesa
-Ministero della Sanità della Repubblica di San Marino
-Istituto di Bioetica Università la Cattolica del Sacro Cuore di Roma
-Università degli Studi di Macerata

OBIETTIVI
Attraverso un inquadramento delle questioni etiche e antropologiche più emergenti nell’ambito della cura della salute, il corso intende offrire strumenti che affinino la sensibilità etica di chi agisce nell’ambito sanitario, al fine di rendere la cura della persona che fa esperienza della malattia più a misura della sua dignità.

ATTESTATO E CREDITI ECM
Alla fine del Corso, a coloro che avranno frequentato regolarmente e che avranno superato la prova finale verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.
Ai sensi del programma di Educazione Continua in Medicina (ECM) del Ministero della Salute, chi partecipa al corso acquisirà un numero di crediti formativi ECM. Provaider ECM n°2607
Corso n° 9008522/23/24/25 (in attesa di accreditamento)

SEDE DEL CORSO
Il corso di svolgerà nella Repubblica di San Marino
presso il Castello di Serravalle
Via Elisabetta da Montefeltro n. 18 D‐1 47899 Serravalle RSM.

DESTINATARI
Il corso è rivolto a Medici, Operatori Sanitari, Psicologi ed Educatori

ARGOMENTI
Gli argomenti che saranno trattati sono ripartiti in insegnamenti, a loro volta raggruppati in tre aree:
Bioetica generale e Antropologia, Bioetica e aspetti del prendersi cura, Bioetica della fase terminale della vita.

INSEGNAMENTI
BIOETICA GENERALE E ANTROPOLOGIA


LA MEDICINA NEL RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELL’UOMO
Prof. Paolo Gulisano

LE ORIGINI DELLA BIOETICA
Prof. Antonio G. Spagnolo

ANTROPOLOGIA MEDICA
Dr. Dino Moltisanti

L’ETICA PERSONALISTA
Dr. Andrea Virdis

ETICA, BIOETICA E FORMAZIONE
Prof. Michele Corsi

LO SVILUPPO DELL’UOMO COME PERSONA
Dr. Salvatore Saporito

ETICA DELLA RESPONSABILITÀ E SOSTENIBILITÀ INTEGRATE
Dr. Vincenzo Manfredi

LA LEGGE MORALE NATURALE COME FONDAMENTO DEI DIRITTI DELL’UOMO
Prof. Roberto di Ceglie

BIOETICA E ASPETTI DEL PRENDERSI CURA
LA UMANIZZAZIONE DELLA MEDICINA, UN DOVERE DI TUTTI

ETICA E RIABILITAZIONE
Prof. Enzo Saraceni

L’ ETICA NELLA GESTIONE DEL MALATO
Dr. Attilio Varricchio

I CONCETTI DI SALUTE E MALATTIA
Dr. Palma Sgreccia

IL DOLORE SPIRITUALE
Padre Contardo

IL DOLORE FISICO ED ETICA DELLA PRESCRIZIONE
Dott.ssa Angela Marchese

LA VITA COME DONO, LA MALATTIA COME LINGUAGGIO DELL’ANIMA
Dr. Emilio De Tata

MEDICINE NON CONVENZIONALI TRA ETICA E MORALE
Dr. Roberto Fagioli

DEONTOLOGIA E RESPONSABILITÀ
Prof. Mariano Cingolani

BIOETICA DELLA FASE TERMINALE DELLA VITA
L’ACCANIMENTO TERAPEUTICO, EUTANASIA, IL LIMITE
S.E. Mons. Luigi Negri

LA RICHIESTA DI SOSPENSIONE DEI TRATTAMENTI
Dott.ssa Nunziata Comoretto

TESTAMENTO BIOLOGICO
Dr. Pierpaolo Visentin

GLI ATTEGGIAMENTI SOCIALI E L’ANZIANO
Dr. Gian Francesco Hermann

LA BUONA REPUTAZIONE PERSONALE E SOCIALE
Don Giulio Dellavite

L’UOMO E L’ESPERIENZA DELLA MORTE,
Prof. Adolfo Morganti

DOCENTI
Le lezioni saranno tenute da docenti provenienti da diverse realtà accademiche ed associazionistiche tra cui:
Università degli Studi di Macerata,
Università Cattolica del Sacro Cuore,
Istituto Intern.le di Teologia Pastorale Sanitaria "Camillianum",
A.V.O. Associazione volontari Ospedalieri,
A.M.C.I Associazioni Medici Cattolici Italiani,
Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II,
Università degli Studi di Roma Tor Vergata,
A.I.O.T. Associazione Medica Italiana di Omotossicologia,
U.S.L. di Roma e di Catania,
Congregazione Vaticana dei Vescovi,
Università Pontificia Lateranense,
Centro di Aiuto alla Vita di Lecco, ecc.

AMMISSIONE
Saranno ammessi a frequentare i primi 50 candidati che, in possesso dei requisiti di ammissione, abbiano presentato domanda di iscrizione. La domanda, redatta sull’apposita scheda o dattiloscritta in carta semplice, dovrà essere spedita a: SPECCHIO BIANCO, Via Onesto Scavino, 10 47891 Rovereta RSM.
La domanda dovrà pervenire entro il 15 marzo 2009

QUOTA DI ISCRIZIONE
La quota di iscrizione dovuta per l’intero Corso è di 800€, a titolo di rimborso delle spese per il materiale didattico e di organizzazione.

DURATA
Il Corso è articolato in quattro week‐end di lezioni per un totale di 48 ore, secondo il seguente calendario: 3‐4 Aprile; 17‐18 Aprile; 8‐9 Maggio; 22‐23 Maggio 2009.
La frequenza è obbligatoria ad almeno l’80% delle lezioni. Le lezioni si svolgono il venerdì in due unità didattiche al mattino (ore 9.00‐13.15) e al pomeriggio (ore 14.45‐19.00), e il
sabato in una unità didattica al mattino (ore 9.00‐13.15).

“Pensiero classico e cristianesimo antico”
A cinquant’anni dalla pubblicazione del volume di W. Jaeger,
“Cristianesimo primitivo e paideia greca” (1961)

Seminario internazionale di studio San Marino 23 settembre 2010 La Fondazione internazuionale Giovanni PAolo II, col patrocinio di
Segreteria di Stato Pubblica Istruzione, Università, Istituti Culturali, Ricerca e Informazione R.S.M.
Pastorale per la Cultura – Diocesi di S. Marino – Montefeltro
Dipartimento di Paleografia e Medievistica – Alma Mater Studiorum – Università di Bologna
Istituto di Glottologia – Università Cattolica del Sacro Cuore
DISA – Università degli Studi di Genova

Seminario internazionale di studio

“Pensiero classico e cristianesimo antico”
A cinquant’anni dalla pubblicazione del volume di W. Jaeger,
“Cristianesimo primitivo e paideia greca” (1961)


San Marino 23 settembre 2010
Sala Michelangelo
GRAN HOTEL PRIMAVERA - Borgo Maggiore (R.S.M.)


Ore 9.45 Angela Maria Mazzanti, Università di Bologna
Introduzione
Ore 10.00 Alfredo Valvo, Università Cattolica del Sacro Cuore
Ellenismo e cristianesimo nel pensiero di W. Jaeger
Ore 10.30 Ysabel de Andìa, CNRS Paris
Il pensiero classico e l’apologetica. Giustino

Ore 11.00 Coffee break

Ore 11.30 Robert Somos, Università di Pécs
W. Jaeger and the Alexandrian Christian Tradition
Ore 12.00 Leonardo Lugaresi, Università di Bologna
Rileggendo W. Jaeger: i cristiani e la paideia da Clemente Alessandrino
a Gregorio di Nazianzo

Ore 15.00 S.E. Mons. Luigi Negri, Presidente Fondazione Int.le Giovanni Paolo II
Intervento
Seguiranno interventi e discussione.


La S.V. è cordialmente invitata.
Segreteria organizzativa:
Fondazione Int.le Giovanni Paolo II Gabriele Casadei 335 7930402
Sede del Seminario:
Grand Hotel Primavera (Sala Michelangelo) - Via Cibrario, 22/24 - Borgo Maggiore

A C E S A R E E A D I O
GLI INCONTRI DI NORCIA – 2010

Profitto sterco del diavolo?
Capitalismo e dottrina sociale
d e l l a C h i e s a a c o n f r o n t o
SALA DEL CONSIGLIO MAGGIORE - PALAZZO COMUNALE
Piazza S. Benedetto NORCIA - 9 OTTOBRE 2010

PROGRAMMA
14.00 Saluti
FRANCESCO VALLI Presidente Fondazione Magna Carta
GIAMPAOLO STEFANELLI Sindaco del Comune di Norcia
MARCO FERRINI Fondazione internazionale Giovanni Paolo II
per il Magistero Sociale della Chiesa
14.30 Relazioni
ETTORE GOTTI TEDESCHI
LUCIANO PELLICCANI

16.30 interventi programmati
SERGIO BELARDINELLI, DAVIDE CANTAGALLI, RAIMONDO CUBEDDU, FRANCESCO D’AGOSTINO, STEFANO FONTANA, GIOVANNI FORMICOLA, FRANCESCO FORTE, GIORGIO ISRAEL, FABRIZIO LOMBARDO PJOLA, SALVATORE REBECCHINI, FRANCO SILANOS, STEFANO ZAMAGNI, *Confermati alla data del 24/09

19.00 replica dei relatori

20.0 Conclusioni

MONS. LUIGI NEGRI
Presidente Fondazione internazionale Giovanni Paolo II
per il Magistero Sociale della Chiesa
GAETANO QUAGLIARELLO
Presidente Onorario fondazione Magna Carta

fondazione f M C MAGNA CARTA
www.magna-carta.it

CINEFORUM del film “CRISTIADA”

Martedì 11 GIUGNO 2013 - ore 20,45
Teatro s. Andrea di Serravalle (RSM)
Ingresso libero

Film in inglese con i sottotitoli in italiano
Regia: Dean Wright Sceneggiatura: Michael Love Interpreti: Andy Garcia, Oscar Isaac,
Eva Longoria, Bruce Greewood, Catalina Sandino Moreno, Peter O'Toole
Durata: 145‘ (visione consigliata dai 14 anni per scene violente)

Messico, anni 20 del secolo scorso. Dopo una lunga stagione di rivolgimenti politici, la nazione è caduta nell’orbita dell’inesorabile egemonia imperialista degli Stati Uniti. Washington, nascondendosi dietro slogan di libertà e progresso, subordina all’ubbidienza e al rispetto dei propri interessi economici l’ascesa dei leader politici messicani. Un unico ostacolo resiste davanti al potere: la Chiesa cattolica. Lo stesso presidente Theodore Roosvelt (Nobel per la pace nel 1906) sosteneva dopotutto che “l’assorbimento dell’America Latina sarà molto complicato finché essa resterà cattolica”.
Nel 1924 alla guida del Messico c’è Plutarco Elias Calles, che appena eletto (vota il 2% della popolazione) dà luce ad un clamoroso progetto politico: sradicare la religione cattolica dal popolo. Estirparla usando come diserbante le durissime leggi penali che porteranno il suo nome, le Leggi Calles. Un attacco alla libertà religiosa che sarà condotto con la violenza più brutale: chiese incendiate, sacerdoti uccisi o deportati, impiegati pubblici costretti a rinnegare la fede, pena perdita posto di lavoro, chiusura di tremila scuole cattoliche e confisca di tutto il patrimonio del clero.

Comincia allora l’eroica resistenza armata dei Cristeros, che diventerà presto una guerra civile tra l’esercito del governo e il popolo messicano.
È questo il contesto storico al centro del film Cristiada, for Greater Glory.
Tra gli attori (bravissimi), spiccano un Peter O’Toole in grande spolvero e un Andy Garcia autore di un’interpretazione memorabile, nella parte del carismatico generale Gorostieta, veterano che allo scoppio della guerra civile decise di accettare l’incarico di leader militare e strategico dei Cristeros.
Un film che narra la semisconosciuta vicenda di un popolo di eroi, di santi; di uomini che non combatterono per il denaro, per la terra o per il potere, ma lottarono per la libertà di accedere ai sacramenti, di educare i propri figli e per l’integrità della loro fede; contro un governo massonico, imposto dagli Stati Uniti, che li disprezzava e li umiliava nel nome del più disumanizzante dei progetti politici.
Una battaglia, la Cristiada, taciuta inspiegabilmente dalla storiografia prevalente e assente dai libri di scuola (così come è ancora assente il film dalle sale italiane, purtroppo), presentata coraggiosamente da questa notevole pellicola messicana che porta il suo nome.


Per informazioni: Centro Sociale S. Andrea Tel. 0549.900759

e.mail: csandrea@alice.sm – sms 338 3784370




© Copyright 2006 - Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II per il Magistero Sociale della Chiesa
Tel. 0549 987112 Fax 0549 987113 - Credits